Novartis Italia e Fondazione Cariplo hanno deciso di investire sui ricercatori e sui giovani talenti italiani puntando ad idee di business vincenti e allo sviluppo di start up innovative. Pubblico e privato insieme per generare innovazione, in particolare nel settore biomedico, per creare occupazione, evitare la cosiddetta fuga dei cervelli, ed incrementare lo sviluppo economico e sociale del paese.

Una partneship tra il leader nel mercato dell’healthcare e l’importante organizzazione filantropica, che vede anche il coinvolgimento dell’incubatore della Fondazione Politecnico di Milano, PoliHub, e il gruppo ospedaliero e centro di ricerca all’avanguardia, Humanitas, insieme per la ricerca scientifica e lo sviluppo d’impresa.

Nella conferenza stampa tenutasi il 30 settembre scorso, a Roma, presso il Ministero della Salute, Novartis Italia e Fondazione Cariplo hanno presentato e lanciato ufficialmente l’innovativo progetto BioUpper, l’acceleratore di start up nelle scienze della vita. Alla presentazione hanno presenziato il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, l’Head of Region Europe di Novartis, Guido Guidi, il Presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti, e il Consigliere delegato di PoliHub, Stefano Mainetti.

È possibile partecipare all’innovativo programma, inviando la propria candidatura online, tramite il form dedicato, entro il 15 novembre 2015. Potranno prendervi parte aspiranti startupper quali lavoratori dipendenti, liberi professionisti, diplomati, studenti universitari, laureati, fino a dottorandi, ricercatori e assegnisti di ricerca. Tre gli ambiti previsti: biotecnologie applicate alle scienze mediche (prodotti farmaceutici, prodotti nutraceutici, medicina rigenerativa, medicina personalizzata, immunoterapia), strumenti digitali al servizio della salute e dispositivi medicali, servizi orientati al paziente o alla sanità.

BioUpper può vantare anche il patrocinio del Ministero della Salute, del Ministero dello Sviluppo Economico, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dalla Conferenza dei Rettori delle Università italiane (CRUI).

Ma come funziona? Saranno selezionati 20 progetti che potranno accedere ad un percorso di formazione per approfondire e carpire i segreti per migliorarne la presentazione in vista del successivo step. Tra questi, infatti, dopo una sessione di elevator pitch, saranno scelti solo i 10 migliori progetti che potranno così accedere al programma di accelerazione. Al termine dell’Acceleration Programme, la giuria di esperti provenienti dal mondo dell’impresa, della ricerca, della finanza e delle istituzioni, individuerà le 3 migliori idee di business innovativo che si aggiudicheranno un voucher di 50 mila euro. La cerimonia di premiazione è prevista per il primo aprile 2016.

“Innovatori fatevi avanti”, BioUpper crede in voi ed è pronto a mostrarvi e a spianarvi la strada per  “dare vita alle start up della vita”.

Per consultare il bando clicca qui.

Per partecipare, compila l’apposito form.

bioupper Novartis Fondazione cariplo

 

 

Giovanna Di Troia

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>